Benvenuti su La Forchetta Rossa!
Ho scoperto da pochi mesi i semi di Chia, hanno tante proprietà benefiche per il nostro organismo in quanto sono ricchi di grassi essenziali omega 3 e omega 6, contengono molti minerali tra cui il potassio, calcio, rame, magnesio, fosforo e le vitamine A - B1 - B2 - B3 - C - E
Di solito li consumo a crudo ma oggi ve li propongo inseriti nella preparazione di una focaccia che risulterà  morbida e saporita anche il giorno dopo, se ne rimane!
Per la preparazione mi sono ispirata a questo video usando però la farina integrale  macinata a pietra e impastando a mano.



Ingredienti:

per il pregel di semi di chia:

150 g di acqua bollente
  20 d di semi di chia

In una coppetta versate l'acqua bollente ed i semi di chia, mescolate velocemente e lasciate raffreddare.


Per l'impasto:

500 g di farina integrale bio  macinata a pietra
200/220 g circa di acqua dipende dall'assorbimento della farina che usate
una bustina di lievito di birra secco
17 g di sale
20 g di olio extra vergine d'oliva
rosmarino tritato a piacere
sale grosso integrale

Preparazione

In una ciotola mettete la farina integrale, il pregel di semi di chia, il sale, l'olio, il lievito e l'acqua.
Mescolate bene e poi lavorate l'impasto con le mani finchè diventa morbido ed elastico.
Formate una palla, mettetela in una terrina leggermente unta con olio evo, coprite con la pellicola trasparente e lasciate lievitare fino al raddoppio dentro il forno spento. ( 3 ore circa per me)



Rovesciate l'impasto in uno stampo da crostata ( cm. 28) ricoperto con la carta forno e con le dita unte stendetelo uniformemente e delicatamente.
Mettete sopra un po' di olio,  rosmarino tritato e sale grosso integrale.
Lasciate riposare ancora 1 ora e mezza.


Riscaldate il forno a 180° e infornate per 30 minuti circa, sfornate e lasciate intiepidire.
La Focaccia con farina integrale e semi di chia è pronta, in tavola!


Buon appetito, alla prossima ricetta!

Una torta semplice e leggera in quanto nell'impasto ho messo solo 2 cucchiai di olio di mais, ho usato la farina integrale, farina di  mandorle, mele e miele.



Ingredienti:

200 g di farina integrale
150 g di mandorle o farina di mandorle
1 bustina di lievito per dolci
un cucchiaino di cannella in polvere
3 mele
il succo di 2 limoni bio + la scorza grattugiata di uno
3 cucchiai di miele
2 cucchiai di olio di mais o girasole

Preparazione:
.
Lavate e sbucciate le mele, tagliatele a fettine e mettetele in una terrina assieme al succo di un limone.
Tritate le mandorle.
In una ciotola riunite tutti gli ingredienti solidi compresa la buccia del limone.
Spremete l'altro limone e mettetelo in un contenitore, aggiungete il liquido che si è formato nella ciotola delle mele, pesate e aggiungete acqua fino ad arrivare a 250 g.
Agli ingredienti solidi aggiungete il miele, l'olio e l'acqua con il succo di limone.
Mescolate bene e se vedete che l'impasto risulta ancora un po' solido aggiungete un po' di acqua.
Foderate una tortiera apribile cm 20 o 22  con la carta forno e versate l'impasto.
Cospargete la superficie con le fettine di mela.
Infornate a 180° forno statico già a temperatura, per 45/50 minuti.
Controllate sempre la cottura in quanto il tempo può variare da forno a forno.




Buon appetito, alla prossima ricetta!
Stanche di mangiare il solito cavolfiore bollito, cotto a vapore, fritto, al forno, in sformati, vellutate e torte salate?
Oggi vi consiglio questa gustosa e sana ricetta di Marco Bianchi veramente molto appetitosa e facile da preparare, fidatevi, piacerà a tutta la famiglia!


Ingredienti per 4/6 persone:

un cavolfiore medio
50 g di pinoli
10 pomodorini secchi
  2 cucchiai di olive taggiasche
  1 cucchiaino di curcuma
  un pizzico di sale
  4 cucchiai di pangrattato integrale
  2 cucchiai di olio evo

Preparazione:

Mondate e tagliate a cimette il cavolfiore, lavatelo bene e fatelo cuocere a vapore per una decina di minuti.
Tagliate i pomodorini secchi a pezzetti e le olive taggiasche grossolanamente e mettete il tutto in una terrina.
Tostate i pinoli in una padella antiaderente e uniteli ai pomodori e alle olive.
Appena pronte le cimette di cavolfiore  aggiungetele al resto degli ingredienti.
Condite con il sale, la curcuma e l'olio evo, mescolate bene il composto che si spappolerà un po'.
Trasferite il tutto in una pirofila, cospargete con il pangrattato, mettete in forno a 180° per 10/12 minuti e...
Buon appetito!




 Grazie a tutte, alla prossima ricetta!

Seguo molto volentieri Marco Bianchi con le sue sane e gustose ricette, oggi vi consiglio un favoloso plumcake con farina di farro e mirtilli per una colazione golosa e nutriente.
Ho modificato un po' la sua ricetta ( QUI ) sostituendo il latte con un infuso di arancia ed è venuto comunque buonissimo, vi dico solo che questo dolce è pericoloso in quanto una fetta tira l'altra.




Ingredienti:

100 g di farina 0
100 g di farina di farro (io farina di farro integrale)
 70 g di fiocchi di avena soffiata ( io fiocchi di avena bio)
100 g di zucchero di canna (io muscovado)
1 bustina di lievito per dolci
200 ml di latte di soia o mandorla ( io 200 g di infuso di arancia rossa di sicilia)
150 g di mirtilli  (io 125 g di mirtilli del trentino che avevo surgelato a settembre)
 80 g di lamponi (io 50 g di mirtilli rossi secchi)
 50 ml di olio di mais


Preparazione:

Preparate l'infuso di arancia, (o altro gusto che vi piace) pesate 200 g e lasciate intiepidire.
In una ciotola capiente unite tutti gli ingredienti secchi compreso il lievito setacciato e mescolate bene.
Aggiungete l'olio e l'infuso di arancia e continuate a mescolare per incorporare tutti gli ingredienti, quando l'impasto diventa cremoso aggiungete i mirtilli secchi ed i mirtilli surgelati mescolando ancora delicatamente.
Versate il composto in uno stampo da plumcake (cm 12x25) precedentemente ricoperto con la carta forno e infornate a 180° statico per circa 35/40 minuti. (il forno deve essere già a temperatura)
E' pronto quando assume un bel colore dorato e fa le spaccature tipiche del plumcake.
Lasciate raffreddare senza togliere dallo stampo e poi delicatamente, (il dolce è molto fragile) sistematelo in un piatto, tagliatelo e gustatelo.




Buon appetito, alla prossima ricetta!

Sono stata affascinata da una meravigliosa pagnotta, il pane senza impasto a lunga lievitazione che ho visto sul blog di Chiarapassion, è stato amore a prima vista tanto che l'ho fatto anch'io!
Certo la mia inesperienza ha dato un risultato visibile ben diverso da quello della bravissima Enrica ma devo dire che sono comunque molto soddisfatta, è buonissimo e sicuramente la rifarò sperando di di migliorare la cottura sempre di più.
Come dice Enrica nel suo blog "il Pane senza impasto"  è una ricetta magica perchè con piccoli gesti e senza alcuna difficoltà ci permette di avere in casa un pane buono come quello cotto nel forno a legna. Concordo perfettamente!




Ingredienti per una pentola diametro 22 cm 

300 g di farina 0
200 g di farina manitoba
350 g di acqua a temperatura ambiente
un cucchiaino di sale fino
2 g di lievito di birra fresco
5 g di miele
semola rimacinata per spolverare

Preparazione:

Io ho iniziato alle ore 13 così la lievitazione è avvenuta di notte
Preparate sul tavolo tutti gli ingredienti.
Sbriciolate il lievito di birra in una tazzina e scioglietelo con poca acqua presa dai 350 g.
In una terrina capiente  mettete le due farine setacciate, il sale, tutta l'acqua rimasta, l'acqua + il lievito, il miele e mescolate velocemente con una forchetta, l'impasto risulterà molto appiccicoso.
Coprite il recipiente con la pellicola trasparente e lasciate riposare per 18/ 20 ore a temperatura ambiente, io l'ho lasciato 22 ore in quanto l'ho dimenticato.
Riprendete l'impasto lievitato che sarà aumentato e pieno di bolle, rovesciatelo sul piano di lavoro infarinato e spolveratelo di farina (io semola rimacinata)
A questo punto dovete fare le pieghe, prendete un lembo dell'impasto, allungatelo verso l'esterno e poi ripiegatelo verso il centro, fate la stessa cosa con gli altri 3 lembi.
Mettete un canovaccio pulito su un vassoio, spolveratelo con la semola rimacinata e ribaltate l'impasto del pane con le pieghe a contatto del canovaccio.
Spolverate con la semola e coprite con una campana o con un altro canovaccio ben chiuso.
Fate riposare ancora per 2 ore.
Scaldate il forno a 230° statico e mettete dentro la pentola, quando la pentola è calda, facendo attenzione a non scottarvi e aiutandovi con i guanti da forno,  toglietela velocemente e capovolgete all'interno l'impasto  in modo che le pieghe stiano in alto.
Coprite la pentola con il coperchio, rimettere in forno e fate cuocere per 30 minuti.
Scoperchiate la pentola e continuate la cottura per altri 20 minuti finchè la pagnotta risulterà di un bel colore.
Sfornate e fate raffreddare bene in una gratella prima di tagliare la prima fetta.






Buon appetito, alla prossima ricetta!

Amo il radicchio Rosso tardivo di Treviso, in questa stagione è quotidianamente presente sulla mia tavola sia crudo che cotto.
Mi piace tanto sperimentare nuove ricette e renderlo sempre protagonista dei miei piatti, non  potrei farne a meno visto che viene coltivato nella mia città!
Oggi una ricetta semplice semplice, piena di gusto e con pochissimi grassi, voglio condividere con voi questo piatto di Bocconcini di pollo al Radicchio rosso di Treviso, provateli e poi ditemi se vi sono piaciuti.



Dosi per 4 persone:

800 g circa di petto di pollo
10 cm di porro
500 g di radicchio rosso tardivo di Treviso
1 bicchiere di vino bianco secco
1 cucchiaio di olio evo,
2 cucchiai di aceto balsamico Monari Federzoni etichetta Platino
sale,pepe

Preparazione:

Tritate il porro e fatelo appassire per una decina di minuti con un cucchiaio di olio evo in un tegame antiaderente aggiungendo al bisogno pochi cucchiai di acqua alla volta.
Tagliate il petto di pollo a bocconcini dopo averlo sgrassato e disossato.
Lavate i bocconcini e asciugateli con carta da cucina.
Unite i bocconcini di pollo nel tegame con il porro e lasciate cucinare a fuoco medio basso per 10 minuti, quindi girate tutti i bocconcini e lasciate rosolare per altri 10 minuti.
Salate, pepate, bagnate con il vino e lasciate consumare.
Nel frattempo lavate il radicchio, scolatelo e tagliatelo a pezzetti.
Appena il vino evapora aggiungete il radicchio e continuate la cottura a recipiente scoperto per altri 30 minuti aggiungendo a metà cottura un bicchiere di acqua.
Quando il liquido sarà asciugato spegnete il gas, aggiungete due cucchiai di aceto balsamico, mescolate e servite bello caldo!





Buon appetito, alla prossima ricetta!

Mangiamo una buona fetta di torta a colazione?
Torta sana e buona con farina di farro, arancia, curcuma e carota,
senza burro, senza uova






Ingredienti:

150 g di farina integrale di grano tenero bio macinata a pietra
100 g di farina integrale di farro bio macinata a pietra
100 g di zucchero di canna integrale
1 cucchiaio di curcuma
1 arancia bio (buccia edibile)
1 carota media
mezza bustina di lievito per dolci
50 g di olio di mais
200 g di latte di mandorla non zuccherato

Preparazione:

In una ciotola capiente mescolare assieme le farine, lo zucchero e la curcuma.
Grattugiare la buccia dell'arancia bio dopo averla lavata molto bene ed asciugata.
Grattugiate anche la carota dopo averla privata delle estremità, lavata e sbucciata.
Spremete l'arancia e aggiungete il succo e l'olio al composto e mescolate bene.
Unite il latte di mandorla a filo mescolando per incorporarlo e per ultimo il lievito setacciato.
Date un'ultima corposa mescolata e versate la crema densa in uno stampo tondo con cerniera apribile (cm. 24) ricoperto con la carta forno.
Ponetelo sul ripiano medio del forno già caldo a tempetatuta di 180°  (statico) e lasciate cuocere per circa 35 minuti.
Controllate la cottura facendo la prova dello stuzzicadente, pungete a metà del dolce se lo stuzzicadente è asciutto il dolce è cotto.
Lasciate raffreddare e...
Buon appetito!




Grazie per la visita, alla prossima ricetta!

Il Gateau di cavolfiore è un piatto unico molto appetitoso, si può preparare in anticipo e scaldare poco prima di portare in tavola, per il ripieno si possono usare  formaggi ed affettati che avete in frigo da finire, e sarà sempre un grande successo!



Ingredienti:

800 g circa di cavolfiore già pulito
100 g circa di prosciutto cotto
6 fette di scamorza affumicata
2 uova
3 cucchiai di Parmigiano Reggiano
2 o 3 cucchiai di pangrattato
fiocchetti di burro
1 cucchiaino di curcuma
sale-pepe
(burro e pangrattato per ungere e spolverare la pirofila)

Preparazione:

Pulite il cavolfiore eliminando le foglie esterne e la parte più dura del torsolo.
Staccate le cimette, lavatele, tagliatele a pezzetti e cucinatele a vapore finchè risulteranno tenere, (per circa 20 minuti)
Lasciate intiepidire e scolate bene dall'acqua di condensa.
Versate il cavolfiore in una ciotola e con una forchetta schiacciatelo bene fino a ridurlo in poltiglia.
Unite sale, pepe, curcuma, uova leggermente sbattute e due cucchiai di Parmigiano Reggiano.
Mescolate bene per incorporare il tutto, unite uno o due cucchiai di pangrattato per rendere il composto più sodo.
Ungete una pirofila da forno (cm. 25x20) con il burro, spolverizzate con il pangrattato e versate sul fondo metà della crema di cavolfiore.
Coprite con uno strato di prosciutto cotto, le fette di scamorza affumicata ed il rimanente cavolfiore.
Livellate bene la superficie, cospargete con il Parmigiano rimasto mescolato con un cucchiaio di pangrattato e spargete dei fiocchetti di burro.
Infornate a 180° per 30 minuti circa, inserendo la funzione grill gli ultimi 5 minuti.
E' pronto appena si formerà una leggera crosticina dorata e croccante.






Buon appetito, alla prossima ricetta!

Mi piace preparare i biscotti in casa e quando trovo una ricetta di Marco Bianchi divulgatore scientifico per la Fondazione Umberto Veronesi e cuoco per passione che promuove le regole della buona alimentazione, mi viene subito voglia di impastare.
Ingredienti semplici e sani, ricette facili e sicure, ecco i meravigliosi Biscotti con farina di riso e nocciole







Ingredienti per 22 biscotti circa:

150 g di farina 0
  50 g di farina di riso
  50 g di nocciole
  60 g di zucchero di canna integrale
la scorza grattugiata di un limone bio
4 cucchiai di olio di mais
mezzo cucchiaino di lievito per dolci
latte scremato o soia q.b.  ( io 100 g di latte di riso )

Preparazione:

Tritate le nocciole assieme allo zucchero di canna.
In una ciotola mettete le due farine setacciate, lo zucchero con nocciole e la scorza del limone, quindi girate bene.
Aggiungete l'olio di mais, il lievito setacciato e latte a filo q.b. per ottenere un composto abbastanza denso.
Rivestite una leccarda con la carta forno e sistemate delle palline di composto di circa 20 g ciascuna, distanziandole tra loro.
Schiacciate con le dita le palline formando un biscotto tondo.
Mettete i biscotti in forno già a temperatura di 160° e cuoceteli per 15 minuti circa.






Buoni, molto buoni!
Buon appetito, alla prossima ricetta!